martedì 21 maggio 2013

Confettura di fragole


Una delle mie passioni sono le confetture! quest'anno le fragole non sono un granché o almeno finora non ne ho mangiate di buone, ma oggi sono stata abbastanza fortunata. Al mercato a km zero questa mattina le ho trovate mature al punto giusto e anche un po' dolci. In fondo poi non mi piacciono nemmeno le confetture troppo dolci, quindi ho trovato l'alchimia perfetta. La mia mattina libera è trascorsa a pulire fragole, pesare lo zucchero e sterilizzare i vasetti...tra i tanti che conservo in una scatola in cantina ne ho trovato uno che fa molto 'nonna papera', di quelli con la guarnizione in gomma che ricordano i vasetti della nonna pieni di delizie.
Le mie confetture in genere finiscono presto, per cui non metto tutto lo zucchero che viene indicato nelle ricette, in genere osservo la semplice formula che si riassume in 'metà del peso della frutta in zucchero'. E' vero che lo zucchero è fondamentale per la conservazione della frutta ma siccome non tengo mai più di 6-7 mesi le confetture prima di consumarle, la quantità di zucchero che utilizzo va più che bene.

Per circa 800 g di confettura finita (2 vasetti da 250 g e 1 da 300 g)
2 kg di fragole da mondare
zucchero: la metà del peso delle fragole 
succo filtrato di 1 limone
vasetti sterilizzati
Lavate e mondate le fragole, quindi tagliatele a pezzi non troppo piccoli. Pesatele e aggiungete lo zucchero e il succo di limone, quindi lasciatele macerare per qualche ora.
Mettete la pentola sul fuoco medio e fate bollire schiumando l'acqua di vegetazione che il calore porterà a galla. Dopo circa 45 minuti spegnete il fuoco e passate le fragole al passaverdura, tranne due o tre mestoli che serviranno per dare consistenza alla confettura finita. Rimettete sul fuoco la confettura per altri 15 minuti per fare addensare. Se avete un termometro controllate che il bollore arrivi a 105° (temperatura di gelificazione) e fate la prova del piattino: fate colare qualche goccia di confettura su un piattino per vedere la consistenza. Se non cola velocemente è pronta! Poi si impara facendo molte marmellate...
Invasate subito nei vasetti, invitate i tappi e capovolgete immediatamente per creare il sottovuoto. Meglio se posate i vasi su una superficie di legno.
Potete consumare la confettura dopo averla tenuta circa un mese al fresco e al buio.




6 commenti:

  1. Finalmente riesco a vedere anche il tuo blog,grazie alla Pippi!!Anche io mi son cimentata nella marmellata lo scorso week end!!e adoro questi vasetti! Come dici tu fan tanto nonna:)

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, le marmellate sono una delle mie passioni. Appena arriva l'estate (speriamo presto), ne farò di tutti i gusti! Grazie per essere passata di qua!

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, le marmellate sono una delle mie passioni. Appena arriva l'estate (speriamo presto), ne farò di tutti i gusti! Grazie per essere passata di qua!

    RispondiElimina
  4. Care ragazze anche io sono una marmellata addicted ho preso da mio padre che ne faceva di davvero speciali. Più guardo queste foto e più mi piacciono :-*

    un abbraccio
    Pippi

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Allora cara Pippi potremmo fare una raccolta di tutte le nostre marmellate e confetture e pubblicarle on line.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un pensiero!