mercoledì 25 dicembre 2013

Buon Natale!


E finalmente anche Natale è arrivato... l'atmosfera che preferisco è sempre quella dell'attesa, dei giorni che precedono la festa in cui tutti sono indaffarati a preparare ogni ben di Dio. Adoro progettare nelle serate nebbiose che precedono il Natale tutto ciò che andrò a portare in tavola, mettermi lì a scrivere le ricette con le dosi, le alternative da fare, i profumi, i colori... Quasi quasi mi dispiace che tutto sia già finito!

Non sono riuscita a fotografare tutto quello che ho preparato, è quasi impossibile trovare il tempo che serve. Qui nella foto che ho inserito c'è solo il panettone, che preparo dall'anno scorso seguendo la ricetta di Vittorio di Viva la Focaccia, i pains d'épice glassati di Felder e il bellissimo centrotavola realizzato da me e la mia mamma con le pigne cadute da un pino quest'estate durante un temporale.

E augurandovi uno speciale Buon Natale vi saluto e abbraccio!

Pains d'épice de mon enfance di Christophe Felder 

250 g di miele scuro
200 g di fanina bianca debole
50 g di farina integrale (o di segale)
1 cucchiaio di cannella in polvere
1/2 cucchiaino di un misto di spezie polverizzate (noce moscata, zenzero, chiodi di garofano, anice stellato)
1 tuorlo d'uovo
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di cremor tartaro

Setacciate insieme le due farine, la cannella e le spezie e aggiungete il miele appena scaldato per scioglierlo un po'. Versate le polveri lievitanti nel tuorlo d'uovo e mescolate  quindi aggiungetela al composto di miele e farina amalgamando bene. Formate una palla coperta di pellicola e mettete a riposare in frigo per un'oretta.

Tirate la pasta con il matterello ad uno spessore di circa 3 millimetri e tagliate le forme che preferite con i tagliabiscotti. Cuocete in forno a 170° per 15 minuti.

Potete poi decorarli con della glassa reale o della pasta di zucchero colorata.

Glace royale
200 g di zucchero a velo
1 albume
succo di limone (due gocce)
colorante alimentare
perline d'argento

Mescolate lo zucchero con un po' di albume per volta fino a che si amalgama tutto, quindi versate le gocce di limone (che sbiancano e tolgono l'odore dell'uovo). La vostra glassa dovrà avere una consistenza non liquida ma cremosa. Ora potete spennellare i pains d'épice o decorarli con l'aiuto di un sac à poche.

domenica 8 dicembre 2013

PANE AI 3 CEREALI E PREPARATIVI NATALIZI…


Io ho sempre meno tempo libero però oggi ufficialmente iniziano i preparativi per Natale. In testa mi frullano tante di quelle idee che non so più dove metterle. Ho appena terminato la preparazione del Christmas Stollen, un delizioso dolce dell’Avvento che preparano a Dresda da tempi immemorabili – almeno dal XV secolo – vi assicuro buonissimo e incredibilmente profumato. Mi sto appuntando pani speciali all’anice e fichi, pains d’épice glassati, torrone morbido con cedro e arancia canditi (home made, naturalmente!) e poi lui, il re del Natale: sua maestà il Panettone. L’anno scorso ne ho prodotti parecchi, semplici e glassati, e devo dire che il risultato, per essere la prima esperienza, mi aveva molto soddisfatto. Quast’anno ne farò meno ma non vedo l’ora di mettermi all’opera.
Si inizia venerdì, il giorno di Santa Lucia, con il torrone morbido. Intanto vi ‘intrattengo’ con questo pane veramente super per gli aromi che sprigiona. Da un’altra delle strepitose pagine del libro di Emmanuel Hadjiandreou. Buona preparazione!!! E a presto con i miei dolci natalizi.

Ingredienti (per una cestino rigapane da 900 g.)

2 cucchiai ciascuno di semi di finocchio e coriandolo tostati in padella e macinati al mortaio
100 ml di acqua fredda
50 g di semi di girasole
30 g di semi di lino
2 cucchiai di fiocchi di avena
2 cucchiai di frumento spezzato
180 g di lievito madre di segale
150 ml di acqua calda
250 g di farina di segale chiara
150 g di farina 0
8 g di sale fino
2 g di lievito secco
50 ml di acqua calda

Procedimento:

1) la sera prima:
mettete in ammollo i semi di girasole, lino e frumento in 100 ml di acqua la sera e lasciateli riposare una notte al fresco.
Mescolate il lievito madre con 150 ml di acqua calda fino ad amalgamarli. Unite la farina di segale e mescolate fino ad ottenere una pasta che lascerete fermentare tutta la notte.

2) la mattina dopo:
mescolate la farina, il sale, e le spezie macinate; sciogliete il lievito secco in 50 ml di acqua calda e uniteci il composto fermentato e mescolate. Aggiungete i semi che avevate messo in ammollo fino ad avere un composto appiccicoso ma non secco (in caso aggiungete un po’ d’acqua).
Coprite e fate riposare 10 minuti. Dopo di che lavorate l’impasto dandogli le pieghe stretch and fold; coprite e fate riposare altri 10 minuti. Ripetete questa operazione2 volte, poi coprite l’impasto e lasciatelo riposare 1 ora.
Spolverate il piano di lavoro con i fiocchi di avena e appoggiateci l’impasto modellandolo sull’avena fino a dargli le dimensioni del cestino rigapane. Cospargete il cestino di avena e inseriteci l’impasto che lascerete lievitare per circa 2 ore in luogo tiepido.

20 minuti prima di infornare accendete il forno a 240° con un pentolino d’acqua dentro; rovesciate l’impasto su una teglia o una pala infarinata, incidetelo con una lametta con un motivo a zig zag quindi infornatelo su refrattaria (o con la teglia) abbassando la T a 220°. Togliete il pentolino d’acqua e lasciate cuocere per circa 30 minuti.